Come coltivare le orchidee?

Le orchidee sono fiori che appassionano moltissime persone e che, nonostante quanto si possa pensare, non sono così difficili da coltivare in vaso: è tuttavia fondamentale scegliere specie adatte a questo tipo di coltivazione e in grado di sopravvivere anche alle temperature nostrane. Di seguito vediamo alcuni elementi fondamentali per la corretta coltivazione delle orchidee in vaso. Orchidea come si cura?

A che temperatura bisogna coltivare orchidee?

coltivare orchidee

coltivare orchidee

L’orchidea è una pianta di origine tropicale e anche se alcune specie si adattano bene a temperature più temperate, è sempre consigliabile tenerle in ambienti che non presentino temperature troppo fredde né troppo calde o secche. In linea di massima il range ideale di temperatura per una coltivazione corretta è quello che va tra i 18 e i 24°C. Alcune specie, più resistenti di altre, sono in grado di crescere bene e rigogliose anche a temperature più elevate, ma a patto che vengano tenute in ambienti ad elevata umidità, una leggera ventilazione e lontane dai raggi diretti del sole.

I rapporti ideali di temperatura e umidità non sono sempre fissi ma possono dipendere da specie in specie e, in alcuni casi, anche da pianta a pianta. I coltivatori più esperti di orchidee sanno riconoscere eventuali esigenze della pianta guardandone il colore delle foglie e il loro stato: ad esempio nel caso in cui un’orchidea sia stata posizionata in un’area con temperatura troppo bassa le foglie non solo tendono a ingiallire, ma anche a perdere la loro lucentezza o a macchiarsi.

Attenzione inoltre alle correnti d’aria: come già evidenziato, alcune specie hanno esigenze di temperatura e umidità elevata e traggono beneficio da una buona ventilazione: questo tuttavia non significa che possono stare in zone di corrente che, infatti, è un altro elemento che può danneggiare la pianta.

Vedi anche  Giardino all'italiana: cos'è e come realizzarlo

Orchidaceae coltivazione: ombra o luce?

L’orchidea selvatica è una pianta da sottobosco per cui, erroneamente, si può pensare che anche l’orchidea in vaso non abbia esigenze particolari di luce. In realtà, anche nelle zone di sottobosco, la luminosità è buona: l’elemento fondamentale che però garantisce la corretta crescita delle piante è la mancanza di raggi diretti del sole. Pertanto, quando si vuole coltivare un’orchidea a casa è necessario ricordare che essa va posta in un ambiente illuminato, ma mai sotto i raggi diretti del sole. Un ambiente con scarsa luce, infatti, non garantisce una corretta fioritura mentre i raggi diretti del sole rappresentano un pericolo per la salute della pianta.

Come innaffiare l’orchidea?

orchidaceae coltivazione

orchidaceae coltivazione

Come per tutte le piante, anche l’orchidea ha bisogno di acqua per crescere rigogliosa e per fiorire. Innaffiare orchidea: non è semplice come sembra. Tuttavia è necessario porre attenzione non solo sull’acqua da introdurre all’interno del vaso, ma anche all’umidità ambientale. Abbiamo evidenziato che l’orchidea, in quanto pianta tropicale, ama le temperature caldo-umide; queste permettono di evitare che il terreno secchi troppo. Se, tuttavia, si coltiva la pianta in casa, in ambienti più asciutti, è necessario provvedere affinché il terreno del vaso resti sempre umido.

Quando e come bagnare le orchidee? L’acqua andrebbe data al mattino, in modo tale che la pianta ha la possibilità di nutrirsi; un altro motivo per cui è preferibile annaffiare l’orchidea al mattino è che durante la giornata l’acqua in eccesso può evaporare evitando ristagni che porterebbero le radici a marcire. Quando si è alle prime esperienze può essere utile controllare l’umidità del terreno toccandolo, in modo da rendersi conto delle sue condizioni; se esso risulta umido non sarà necessario dare altra acqua.

Vedi anche  Quadri Vegetali e Lichene Stabilizzato

Come annaffiare l’orchidea in inverno e in estate? In inverno e in estete l’annaffiatura non deve essere uguale, ma maggiore durante la stagione calda; in caso di temperature calde e secche può essere utile non solo inserire l’acqua nel vaso ma anche irrorare le foglie e i fiori.

Attenzione a non esagerare con l’acqua ricordando che l’orchidea può sopravvivere a una leggera carenza d’acqua molto più facilmente di quanto si possa pensare mentre un eccesso di acqua può essere deleterio.

0/5 (0 Recensioni)